Ottime notizie per l’Astragalus aquilanus nel Parco Nazionale della Majella

A quasi un anno dagli interventi finalizzati a incrementare la consistenza numerica di Astragalus aquilanus nel territorio del Parco nazionale della Majella, realizzati con l’azione C7 del progetto Life Floranet, lavoro e impegno sono stati ripagati.
Il monitoraggio effettuato dai tecnici del Parco ha dato un esito molto positivo:  hanno attecchito e godono di buona salute le piante messe a dimora a rinforzo di quelle già presenti nell’unica stazione dell’area protetta, nel Comune di Cansano (AQ), e con cui è stata creata una nuova popolazione nel comune di Pacentro (AQ). Le piante utilizzate sono state riprodotte nei giardini botanici del Parco, dove si continua a conservarne una minima quantità da impiegare in interventi futuri e attività di educazione ambientale. Nonostante la notevole siccità che ha caratterizzato la primavera-estate del 2020, la percentuale di perdita è stata  esigua: quasi tutti i 200 individui utilizzati nelle due stazioni hanno ben resistito e, per una buona parte, sono fioriti e hanno fruttificato.
A protezione delle piantine, ancora per un anno, rimarranno le recinzioni leggere realizzate per evitare che siano mangiate o comunque danneggiate dalla fauna selvatica. Il monitoraggio su queste e altre specie target del Life Floranet continua. Vi terremo aggiornati!